Ponte sullo Stretto: al via nuove gare

da Milano

La procedura per la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina - che per modalità e trasparenza in Italia costituisce un esempio - si è arricchita di nuovi passaggi, relativi a tre diverse gare. L’esito di quella principale, relativa al General Contractor che realizzerà l’opera, è atteso entro una settimana: una commissione indipendente dovrà scegliere tra i due raggruppamenti finalisti, uno guidato da Astaldi, uno da Impregilo.
Alla scadenza del 30 settembre sono pervenute alla società Stretto di Messina tre offerte per la gara di affidamento dei servizi di «Project management consulting», che riguardano il controllo e la verifica della progettazione definitiva, esecutiva e della realizzazione del ponte e dei suoi collegamenti stradali e ferroviari. Le offerte sono giunte dalla statunitense Parsons transportation group, da un consorzio in via di costituzione fra Snamprogetti e Technip Italy, e da un’associazione temporanea di imprese in via di costituzione formata dalla capogruppo francese Systra insieme a Technital e Norcontrol. Per l’aggiudicazione la società nominerà nei prossimi giorni una commissione indipendente.
È stata poi conclusa anche la fase di prequalifica per le altre due gare indette per l’affidamento delle attività di monitoraggio ambientale, territoriale e sociale e per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo.
Per il monitoraggio ambientale la Stretto di Messina ha invitato alla presentazione delle offerte il raggruppamento temporaneo di imprese formato dalla capogruppo Fenice (del gruppo francese Edf) e dai mandanti Agriconsulting, Eurisko NopWorld, Nautilus società cooperativa, Theolab e il raggruppamento temporaneo di imprese formato dalla capogruppo mandataria Spea ingegneria europea (gruppo Autostrade) e dai mandanti Cesi, Telespazio, Urs Italia, Elsag. Il termine per presentazione delle offerte è stato fissato alle ore 12 del 6 dicembre.
Il servizi completi di consulenza e brokeraggio assicurativo - che riguardano quindi sia la fase di progettazione, di cantiere, sia l’opera eseguita - sono oggetto di un’altra gara alla quale sono stati invitati Aon, Gpa Assiparos, Heat Lambert group, Jlt risk solutions, Marsh e l’associazione temporanea di imprese formata dalla capogruppo Willis Italia e dai mandanti Rasini Viganò Assicurazioni e Pca. Il 18 novembre è fissata la scadenza per le offerte.
Entro l’anno, dunque, saranno individuati tutti i soggetti che parteciperanno alla realizzazione della grande opera. Successivamente sarà dato l’ok al progetto definitivo, preliminare all’avvio dei lavori: l’apertura dei cantieri è prevista per la seconda metà del 2006. Ieri l’amministratore delegato della società Stretto di Messina, Pietro Ciucci, si è detto «molto soddisfatto».