Ponte sullo Stretto: ok al progetto definitivo

Il costo dell'opera con le varianti sale a 8,5 miliardi di euro, ma 4 miliardi saranno raccolti sui mercati. Cantieri aperti a metà 2012 e fine lavori prevista nel 2018.

ROMA - Approvato il progetto definitivo del Ponte sullo Stretto. Con le varianti approvate il piano economico-finanziario dell'opera sale da 6,3 a 8,5 miliardi di euro. Per il ministro delle Infrastrutture, Altero Matteoli, si tratta di un'altra «tappa importante» per un progetto che «darà impulso all'economia dell'intero Paese proiettandolo nel contesto mediterraneo con più forza». Le ricadute per l'occupazione sono stimate prudenzialmente a 40mila unità lavorative l'anno.
Il progetto definitivo redatto dal Contraente generale Eurolink (45% Impregilo) recepisce interamente le prescrizioni formulate dal Cipe con la delibera di approvazione del progetto preliminare e comprende nuove opere richieste degli enti locali. «Si tratta - ha sottolineato il direttore generale della Stretto di Messina Giuseppe Fiammenghi - di una attività mai realizzata prima in Italia nell'ambito della progettazione delle opere pubbliche che ha coinvolto oltre all'Area tecnica della Stretto di Messina, il Project Management Consultant Parsons e il Soggetto Validatore Rina Check».
Le nuove opere finalizzate ad una migliore integrazione del ponte con il territorio comprendono, tra l'altro, una variante ferroviaria sul Versante Sicilia, che prevede lo spostamento della nuova Stazione di Messina, tre fermate ferroviarie in sotterraneo per realizzare un sistema metropolitano interregionale tra Messina e Reggio Calabria e la nuova Area Direzionale (lato Calabria) progettata dall'architetto Libeskind.
Piano economico finanziario - "Escludendo le nuove opere - ha affermato Ciucci - il costo aggiornato del progetto risulta sostanzialmente invariato rispetto a quanto stimato nel progetto preliminare.
Confermato lo schema di finanziamento del progetto che prevede di raccogliere sui mercati finanziari oltre 4 miliardi di euro, così come previsto nel piano 2009. Nell'ambito del piano economico finanziario saranno individuate le risorse necessarie per la copertura dei maggiori fabbisogni graduati in base allo stadio di avanzamento dei lavori.
L'ad di Stretto di Messina, Pietro Ciucci, ha precisato che nei prossimi giorni si definiranno le procedure per l'apertura della Conferenza dei servizi. La tempistica per la realizzazione dell'opera prevede entro fine anno il completamento lavori dell'opera propedeutica ferroviaria a Cannitello, in provincia di Reggio Calabria. A febbraio 2012 si attende l'approvazione del Cipe e l'avvio della gara per il reperimento dei finanziamenti. A metà dell'anno prossimo dovrebbero aprire i cantieri principali previa progettazione esecutiva. Il completamento dei lavori è atteso per la fine del 2018.