È il Ponte Vecchio il campo da golf più bello del mondo

Il Ponte Vecchio è sicuramente il «campo» da golf più bello del mondo. È suggestivo, immerso nella storia, nell'arte e nella cultura fiorentina. Anche quest'anno aprirà i battenti per tre giorni dal 12 al 14 dicembre, rinnovando l'appuntamento con il Conte of Florence International Approach Championship, giunto alla terza edizione ma forte dell'esperienza quasi decennale iniziata con il Ponte Vecchio Challenge. «Il mio desiderio è che questo evento coinvolga in modo sempre maggiore la mia amata Firenze» aveva dichiarato Romano Boretti, patron di Conte of Florence, lo scorso anno. Detto. Fatto. Non è un caso che quest'anno le guide turistiche di Firenze, nel presentare il Ponte Vecchio oltre che le classiche valutazioni storiche e artistiche, segnalino che è il ponte dal quale a dicembre si gioca a golf.
All'ombra del Corridoio Vasariano verranno allestiti i nuovi tee. L'obiettivo per tutti saranno le quattro isole galleggianti sull'Arno a 50, 75, 100 e 140 metri dal Ponte Vecchio. Si tratta sicuramente della gara più insolita al mondo, molto imitata ma ineguagliabile, che riunisce in sé mille e un'attrattiva. Il field sarà costituito da 15 giocatori in rappresentanza di altrettante nazioni. Uno dei protagonisti dell'evento sarà Robert Karlsson, fresco vincitore dell'Harry Vardon Trophy, coppa assegnata al primo giocatore della money list europea e della Coppa del Mondo. Dagli Stati Uniti arriverà Tom Lehman che conta nel suo palmares una vittoria nell'Open Championship, la posizione numero uno nel World Ranking e numerose presenze in Ryder Cup. Spostandosi sulla sponda europea della Ryder Cup troviamo Sam Torrance. Lo scozzese ha al suo attivo otto presenze nella competizione che mette di fronte il team americano e quello continentale con una vittoria da capitano. Inoltre, grazie alla recente vittoria in Spagna Torrance è diventato il settimo giocatore della storia per guadagni sull'European Senior Tour con oltre 1 milione di euro guadagnati.
A difendere i colori azzurri ci sarà Costantino Rocca, il giocatore più forte che il nostro Paese abbia mai avuto. Rocca ha vinto cinque tornei sul Tour Europeo terminando ben due volte quarto nell'ordine di merito. Tre le sue presenze in Ryder Cup con la storica vittoria del 1997 nei singoli contro Tiger Woods. Diana Luna, testimonial di Conte of Florence, sarà presente per la settima volta al Ponte Vecchio. Quest'anno difenderà i colori del Principato di Monaco dove è residente dal 2005, anno del matrimonio con Fabio Orlandini del Beccuto. La stella emergente Simon Khan sarà il portacolori dell'Inghilterra mentre Eamonn Darcy sarà il portacolori irlandese. David Frost, sudafricano, si è detto particolarmente contento della sua partecipazione in quanto potrà unire l'evento sportivo con la sua altra grande passione, quella per il vino che produce nel suo Paese. Gradito ritorno per l'austriaco Marcus Brier alla sua terza presenza consecutiva. Tiago Cruz, fresco di partecipazione al Campionato del Mondo, rappresenterà il Portogallo, Gaurav Ghei l'India, Shiv Kapur gli Emirati Arabi e Jan-Are Larsen la Norvegia. Sven Strüver, allievo di Bernhard Langer e vincitore tre volte sul Tour Europeo, sarà il portacolori tedesco e Julien Clément per la Svizzera completerà il field. Anche quest'anno la produzione televisiva sarà realizzata da European Tour Production con conseguente montaggio e commento in italiano di per Sky Sport.