Pontina, preso il pirata della strada

Ancora vittime dell’asfalto. È stato un ciclista romeno Iulian Baeram, 45 anni, a pagare, stavolta, la scelleratezza di un autotrasportatore. Teatro della tragedia, la statale Pontina, giudicata da una recente indagine, condotta da Aci e Istat, una delle strade più pericolose d’Italia. Omicidio colposo e omissione di soccorso sono i reati contestati al conducente del camion, un italiano di 53 anni, arrestato ieri mattina dai carabinieri del comando provinciale, guidati dal colonello Leonardo Rotondi. L’uomo, martedì sera, aveva travolto e ucciso, a bordo del suo camion, il ciclista straniero che stava percorrendo la statale con la sua bicicletta. Ad aggravare la situazione, l’omissione di soccorso. Infatti il pirata della strada, incurante della tragedia da lui stesso causata, non ha prestato soccorso alla vittima, ma anzi è fuggito. È stato, invece, un automobilista a notare il corpo del romeno, identificato in seguito dai militari grazie all’esame delle impronte digitali, e a dare l’allarme. Giunti sul posto, i militari hanno trovato la vittima sul ciglio della carreggiata, all’altezza di Borgo Podgora. Le ricerche dell’autotrasportatore, residente a Minturno, un piccolo comune in provincia di Latina, scattate da subito si sono concluse, ieri mattina, quando i carabinieri lo hanno rintracciato, a bordo del suo camion, poco lontano da Formia. Al sequestro del mezzo, è seguita la perizia, che ha confermato la colpevolezza del conducente. Infatti i rilievi effettuati dai carabinieri hanno evidenziato che i pezzi mancanti dal camion erano gli stessi ritrovati nel luogo dell’incidente.