Pop Verona e Novara: «Con Cattolica trattativa ferma»

Notizie «non veritiere e tendenziose». Così il Banco Popolare di Verona e Novara ha definito le indiscrezioni pubblicate da alcuni organi di stampa, secondo le quali, per l’aggregazione con la Popolare, Cattolica assicurazioni avrebbe chiesto una valutazione doppia rispetto ai prezzi di Borsa. Bpvn informa in una nota che «conformemente alle disposizioni vigenti, si è provveduto a segnalare tale circostanza alla Consob per le valutazioni del caso e le conseguenti iniziative che saranno ritenute più opportune». La Popolare precisa che, per quanto riguarda i rapporti con Cattolica assicurazioni, «non vi è nulla da aggiungere rispetto a quanto riportato nel comunicato del 23 giugno», e cioè che la banca «sta approfondendo progetti che consentano di massimizzare le sinergie con Cattolica assicurazioni»