Pop Vicenza punta a un futuro con il Tier1 al 6%

«Tier 1» al 6% e «total capital» al 10%. Questi i valori di riferimento della solidità patrimoniale che la Popolare di Vicenza ha «assunto come vincoli del piano industriale in corso di finalizzazione e delle attività di capital management». È quanto emerge dalla relazione intermedia di gestione al 30 giugno consultata da «Radiocor». Il nuovo piano triennale della Popolare di Vicenza sarà approvato dal cda in tempo per essere inviato a Bankitalia entro la metà del mese. Nel rapporto ispettivo di Bankitalia consegnato il 9 giugno, intanto, era presente l’avvio di un «procedimento sanzionatorio» a carico di cda, sindaci e del precedente dg Luciano Colombini. In relazione infine al coinvolgimento della banca, del presidente Gianni Zonin e del consigliere delegato Divo Gronchi nelle indagini sulla scalata «occulta» alla Bnl, la Consob ha notificato all’istituto l’avvio del procedimento sanzionatorio per violazione dell’articolo 122 del Tuf (asserita mancata pubblicazione di patto parasociale). Sulla questione, la relazione informa che «a seguito delle istanze trasmesse alla Consob dalla banca» e del pagamento dell’oblazione, «la Consob ha comunicato in data 24 luglio l’archiviazione del suddetto procedimento sanzionatorio».