La Popolare dell’Emilia al valzer del private banking

Un polo finanziario con base a Milano da collegare a Bper Private. Questo, secondo indiscrezioni, l’obiettivo di medio termine della Banca Popolare dell’Emilia Romagna, che punterebbe così al rafforzamento della propria divisione di private banking, quella cioè specializzata nei servizi finanziari a fasce di clientela medio-alta, che ha base a Modena ed è sotto la responsabilità di Maurizio Morgillo. La decisione sarebbe stata presa anche in considerazione del fatto che il presidio del capoluogo meneghino, soprattutto in un business come quello del private banking, appare imprenscindibile. Se così fosse, però, si fa fatica a inquadrare l’accordo preliminare raggiunto a fine settembre che riguarda la cessione agli spagnoli del Santander da parte del gruppo guidato dall’amministratore delegato Fabrizio Viola, di Meliorbanca Private, per un corrispettivo stimato in 32 milioni. La vendita, era comunque mirata con l'intento del gruppo di focalizzare il proprio modello di servizio nel settore del Private Banking & Wealth Management sulle reti territoriali delle banche commerciali del gruppo con servizi sempre più ampi.