Popolare Milano in calo

Piazza Affari prosegue il trend positivo comune alle altre Borse mondiali. Basta però una differenza di poche decine di punti per far segnare agli indici di Borsa nuovi livelli record, per riprendere le basi raggiunte nel maggio 2001 e, per l’indice SP/Mib, registrare il nuovo record dalla sua introduzione nel giugno 2003. Il consolidamento del listino su queste basi fa emergere un progresso, da inizio d’anno, del 15-16%, che verrebbe così a ripetere la performance realizzata nel 2005. Resta modesta l’attività, con scambi realizzati per il controvalore di 5,1 miliardi di euro. Poche le novità sul fronte delle concentrazioni bancarie e dei risultati contabili. Il possibile ritorno del dividendo alla Fiat ha fatto impennare il titolo a oltre 15 euro, per chiudere poi su basi più calme. Titoli energetici nei due sensi, con rafforzamento per Edison (più 1,3%); irregolari le banche, con Pop. Milano in calo, mentre nei media ritraccia Mediaset, che ha confermato l’interesse per la tedesca Prosieben. Tra i titoli minori cresce Olidata (più 4,4%) ed Enertad (più 4%), ma balza in positivo Autostrade (più 3,7%) dopo la presa di posizione UE sul caso Abertis.