Popolare di Milano Oggi l’assemblea: ma i dipendenti-soci sono senza direttivo

L’associazione dei dipendenti soci Bpm ha mosso i primi passi, dopo le elezioni chiuse il 19 novembre: giovedì, secondo Radiocor, si è tenuta la prima riunione degli eletti nell’assemblea dei delegati, ma Fabi e Fiba hanno dichiarato di non essere pronte a nominare i propri rappresentanti nel direttivo, posticipando la decisione a giovedì prossimo. L’associazione, socio di riferimento nell’istituto, è quindi ancora senza vertici a poche ore dall’assise straordinaria che oggi sarà chiamata a esprimersi sul nuovo Statuto, varato dalla banca milanese su sollecitazione di Bankitalia. Nel corso dell’assemblea dei delegati, inoltre, Uilca, Fisac e Dircredito hanno sollecitato un pronunciamento unitario dell’associazione in vista dell’assemblea ma anche in questo caso Fabi e Fiba, che hanno già annunciato la non partecipazione all’assemblea, si sono opposte. A questo proposito, in un documento indirizzato a tutti i dipendenti, Uilca e Dircredito hanno denunciato «il colpevole ritardo con cui è stata insediata l’associazione». Fonti vicine alla Fabi, d’altra parte, notano che il sindacato, rinunciando alla possibilità di votare contro il nuovo statuto in assemblea, ha dimostrato la volontà di ricostituire l’unità dei dipendenti-soci.