Il Popolo della libertà in Liguria vuole ripartire dai giovani

Giovani e futuro, un binomio naturale che, però, deve essere assecondato con convinzione, nel mondo del lavoro e in politica. Per questo obiettivo hanno scelto di impegnarsi, all’interno del Popolo della libertà in Liguria, Alessandro Gianmoena e Alessandro Parino, rispettivamente coordinatore regionale e presidente regionale dei giovani del Pdl, all’insegna del motto: «Anche la Liguria guarda al suo futuro». Nel nuovo progetto - spiegano innanzi tutto Gianmoena e Parino - diversi giovani sono candidati a ruoli di rilievo negli enti locali. Per questo si è evidenziata l’esigenza di organizzare una struttura aperta, quella del «Movimento giovanile», «che coinvolga e intercetti tutte quelle giovani generazioni che, dall’età della formazione a quella del lavoro, intendano impegnarsi in prima persona per dare una prospettiva a questa regione».
Ad affiancarli ci sarà dunque una squadra regionale di otto giovani che interagirà con i quattro coordinatori e presidenti provinciali della Liguria. La struttura sarà quindi così composta: in provincia di Imperia, il coordinatore sarà Luca Falciola, 27 anni, consigliere provinciale, dal 1996 in Forza Italia Giovani, mentre presidente sarà Fabrizio Cravero, 31 anni, avvocato sanremese, in Azione Giovani dal 1996. In provincia di Savona: coordinatore Guido Lugani, 24 anni, dal 2004 in Forza Italia Giovani, e presidente Mauro Greco, 25 anni, in Azione Giovani dal 2004. In provincia di La Spezia: coordinatore Gionata Casone, 26 anni, dal 2002 in Forza Italia Giovani, e presidente Elisa Borrelli, 26 anni, dal 2004 in Azione Giovani. In provincia di Genova, infine, il coordinatore sarà Stefano Costa, 25 anni, consigliere del Municipio Medio Levante, dal 2006 in Forza Italia Giovani, mentre presidente sarà Andrea Galli, 26 anni, dal 2005 in Azione Giovani e dal 2008 presidente provinciale di Azione Giovani.
Altri giovani, intanto, in ruoli diversi, stanno emergendo: fra questi, ad esempio, Giacomo Raul Giampedrone, candidato sindaco di Ameglia. È prevista inoltre - fanno sapere sempre Gianmoena e Parino - un’Assemblea regionale che coinvolgerà sia i giovani che sono espressione del mondo del lavoro, sia coloro che sono eletti nelle istituzioni. «Il nostro impegno - ribadisce Gianmoena - è quello di poter dare un futuro alla Liguria nel suo entroterra, nel suo litorale e nelle sue città, sostenendo l’operato del governo Berlusconi e l’impegno del ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola per la sua regione». Dal canto suo, Parino sottolinea come si voglia «vincere la sfida del nostro tempo: dare una speranza ai giovani della Liguria, per un futuro di libertà, sviluppo, solidarietà, sempre in armonia, naturalmente, con quanto fanno e faranno l’esecutivo e il ministro Scajola».