La Porsche Carrera 4S è ancora più muscolosa Le novità della gamma «4». A listino per 86.160 e 96.720 euro. I giudizi dopo la prova

da Montecarlo

Nella sequenza logica di evoluzione delle varie versioni su cui si articola ogni nuova edizione della Porsche 911, arriva il tempo della Carrera 4, un appuntamento che, per quanto riguarda i modelli di serie, si rinnova dal 1989, quando nacque la prima, sulla base dell’esperienza della leggendaria 959 che vinse la Parigi-Dakar nel 1986. Lo sviluppo della nuova Carrera 4 ha offerto ai tecnici di Zuffenhausen l’occasione per fare spazio a ulteriori spunti evolutivi, tanto tecnici quanto estetici, che esaltano ulteriormente la qualità del progetto ingegneristico di base.
Al contrario delle edizioni precedenti, la nuova Carrera 4, infatti, accentuerà il proprio carattere di esclusività, rispetto a 911 Carrera, non condividendo con il modello a sola trazione posteriore nessuna delle variazioni, sia al disegno della carrozzeria sia all’assetto dell’autotelaio, che la rendono immediatamente identificabile. In passato, carrozzeria e assetto della Carrera 4S furono poi resi disponibili anche su una variante della Carrera denominata 2S. La nuova Carrera 4, e in particolare la variante 4S, intende inserirsi tra la 911 e la futura 911 Turbo, di cui è sicuramente una parziale anticipazione.
Il sistema di trazione integrale segue lo schema, molto razionale nel suo rapporto tra l’ottima efficienza e la limitata complessità meccanica che implica anche un pregevole contenimento del peso: solo 50 kg in più rispetto alla 911. La Carrera 4 si distingue per la maggiore muscolarità delle sue forme, derivante dall’allargamento di 44 mm della larghezza in corrispondenza dei parafanghi posteriori, conseguente all’incremento di carreggiata e di sezione dei pneumatici, con Carrera 4 che monta Pirelli P-Zero Rosso da 295/35-18 (265/40-18 su Carrera) e Carrera 4S che adotta i 305/30-19 (295/30-19 su Carrera S) della stessa specie. Il look è formidabile, da qualsiasi prospettiva, e le conseguenze sulle doti dinamiche, già straordinarie, di 911/997 si sono rivelate travolgenti. I propulsori rimangono quelli già noti nella versione a due ruote motrici: il 3.600 cc da 325 cv per 911 Carrera 4 e il 3.800 cc da 355 cv per 911 Carrera 4S. Con la trazione integrale che mette a terra tutta la potenza senza una sbavatura, non sono tanto i 30 cv a fare la differenza, ma quei 30 Nm di coppia massima in più che mettono Carrera 4S fuori dalla portata anche della pur magnifica sorella minore, oltre che delle concorrenti più blasonate. All’attacco della salita abbiamo disinserito il sistema Psm di gestione elettronica della stabilità e della reazione, selezionando, per contro, la taratura più sportiva delle sospensioni attive. Anche in queste condizioni è impossibile far perdere neutralità a un autotelaio che sembra girare sui binari. I prezzi: Carrera 4 coupé 86.160 euro, Carrera 4 S coupé 96.720 euro.