Il portaborse fa un pasto completo con 3 euro

Farfalle al sugo di tonno, gallinella in guazzetto, patate al forno, macedonia e un quartino di vino bianco: alla cassa fanno 3,75 euro. Ma per chi non vuol mangiar pesante prendendo solo primo, contorno e frutta la spesa si ferma a 2 euro. Un comune mortale al massimo potrebbe comprarsi un caffè e una brioche al bar. Per i portaborse e i dipendenti del Parlamento invece è il costo di un pranzo. A spese dei contribuenti, naturalmente. Perché per ogni pasto la Camera versa 11 euro alla ditta che fornisce il servizio di ristorazione.