In un portale web tutti i segreti e le meraviglie del mondo acquatico

La visita tra le sale nella penombra, nella luce livida e suggestiva della vasche, tra gli squali che nuotano silenziosi e le foche e i delfini giocherelloni è un’altra cosa. Ma da oggi sono possibili tante altre cose: scoprire l’ambiente acquatico attraverso oltre sedicimila animazioni, immagini, video, documenti di testo e file audio; visitare mostre virtuali su squali e cavallucci marini, o forme e colori propri del mondo marino; sapere, cliccando su una mappa, quali sono specie e risorse marine di ogni paese del mondo.
Sono soltanto alcune delle possibilità offerte da www.aquaringweb.eu, primo portale semantico multilinguistico europeo dedicato all’ambiente acquatico, diventato operativo e presentato ieri mattina all’Acquario di Genova, a termine di un progetto partito nel 2006.
«Il portale è nato dal consorzio di nove partner di Italia, Belgio, Francia, Lituania, Spagna e Paesi Bassi - spiega Bruna Valettini di Acquario di Genova, che ha coordinato il progetto e, come esperto scientifico, fornito contenuti - Ha un’interfaccia in sei lingue, accessi differenziati in base al profilo e alla diversa competenza degli utenti e un motore di ricerca “intelligente” davvero molto sofisticato».
Il progetto Aquaring è costato 3,6 milioni di euro ed è stato finanziato per metà dalla Commissione Europea tramite il programma «eContentplus», che vuole rendere i contenuti digitali più accessibili per i cittadini europei.