Portinaia uccisa ai giardinetti con una coltellata al cuore

Si sa poco o niente sulla vita privata di Pasqualina «Lina» Labarbuta, la 38enne, madre di tre figli, che spesso faceva la sostituta di una portinaia in congedo del palazzo di via Alex Visconti 10-12, al Gallaratese e che ieri, primo giorno di una di quelle tante sostituzioni, è stata brutalmente assassinata. Secondo la testimonianza di una signora che in quel momento portava a spasso il cane Lina Labarbuta, allontanatasi dalla portineria intorno alle 13 per andare a mangiare un panino ai giardinetti, si è seduta su una panchina e lì ha incontrato un uomo italiano, descritto con la pelle scura, con il quale ha iniziato a parlare. I due, all’improvviso hanno cominciato a litigare e la donna ha fatto per andarsene quando lui l’ha accoltellata al cuore, gettando via l’arma (una pattada sarda con una lama lunga 9 centimetri) per poi fuggire. Adesso, mentre gli investigatori della Mobile sono alla ricerca di un ex fidanzato o di un corteggiatore respinto, il quartiere ha paura.