Il porto chiude per sei giorni

Sei giorni di chiusura totale. Il porto di Voltri sprofonda. Il computer fa i capricci ed è il disastro. Ieri mattina l’Autorità portuale ha convocato gli addetti ai lavori e i dirigenti del terminal hanno gelato tutti: per mettere a posto le cose, cioè il sistema informatico che manda avanti il Vte, occorrono quattro giorni di chiusura del porto (più sabato e domenica). Dell’«export» a essere precisi, cioè dei camion in entrata carichi di merce da spedire. Ma di fatto significa paralisi totale. Anche perché i Tir difficilmente viaggiano scarichi. Per ragioni economiche fin troppo evidenti, i trasportatori portano un container pieno in porto, lo scaricano in banchina ed escono dopo aver caricato un nuovo cassone. Il che vuol dire che per tutta la settimana Voltri resterà un porto fantasma.
«Un disastro inimmaginabile - interviene Guido Giumelli, vice presidente dell’Associazione Spedizionieri genovesi -. Siamo rimasti tutti in stato di choc, abbiamo chiesto quali fossero le alternative, ma ci hanno detto che non ce ne sono. Così non possiamo fare altro che aspettare. (...)
SEGUE A PAGINA 47