Porto Lotti, il principe degli approdi turistici

La Spezia Punta su Porto Lotti, marina turistica della Spezia, la nuova bussola dell'eccellenza nautica internazionale. Il porticciolo ligure, infatti, si è aggiudicato per primo la certificazione «MaRina excellence» istituita poche settimane fa da Rina Services, società internazionale leader nella classificazione del gruppo Rina, per premiare i migliori approdi al mondo. Il riconoscimento, assegnato a pieni voti, è particolarmente prezioso perché basato su una valutazione complessiva della struttura, su tre macroaree: servizi portuali, servizi turistici e sostenibilità ambientale. Lode a 360 gradi, insomma, che fa di Porto Lotti una bandiera dell'eccellenza italiana nel mondo.
«È difficile trovare di meglio - ha detto l'ad del gruppo Rina, Ugo Salerno, consegnando la targa al presidente del Porto, Olivia Lotti - Questa attestazione premia anche la volontà di investire in questo settore».
Quello su Porto Lotti, nato dalle ceneri di un grande cantiere di demolizione, è stato un investimento ambizioso fin dalla posa della prima pietra, e che ancora continua con la realizzazione, a breve, di una nuova darsena per ospitare dal 2015 superyacht fino a 90 metri di lunghezza. Il nuovo progetto andrà a completare una realtà in cui - certifica il «MaRina excellence» - il diportista può già soddisfare qualsiasi esigenza, dai negozi specializzati alle riparazioni, dal rimessaggio al ristorante, il tutto perfettamente integrato in un tessuto cittadino a fortissima vocazione marittima (dove da Fincantieri a Baglietto sono tanti i cantieri vicini) e a pochi minuti di navigazione da perle paesaggistiche come le Cinque Terre.
In Italia e all'estero, assicurano i vertici di Rina, sono già numerose le marine che hanno chiesto di venire analizzate. E ben presto la lista dei porti eccellenti si allungherà.
Per il momento, però, il più bravo e il più veloce a completare il non facile iter di misurazione delle performance è stato solo il gioiello del Golfo dei Poeti.