Portofino sfrutta il condono e restaura eremo e mulini

I fondi del condono edilizio che la Regione Liguria ha destinato a opere di riqualificazione ambientale, urbanistica e paesistica del territorio, riguardano anche il Parco di Portofino. Due gli interventi finanziati, con 200 mila euro ciascuno: il recupero dell' eremo di Sant'Antonio di Niasca e la valorizzazione della Valle dei Mulini.
Il complesso di Sant'Antonio di Niasca, nella valletta tra Paraggi e Portofino, è un romitaggio del XIII Secolo, poi ampliato e ristrutturato, come mostra l'attuale veste ottocentesca della struttura, di proprietà del comune di Portofino. L' eremo sarà recuperato dal comune di Portofino e dall'Ente Parco ed è destinato a diventare un centro di attività culturali, didattiche ed espositive legate all'area protetta. Il recupero del complesso e delle aree agricole e boschive prevede una spesa complessiva di circa 2 milioni e 500 mila euro, di cui 525 mila già stanziati dalla Regione Liguria e dal ministero dell' Ambiente. Gli ulteriori 200 mila euro del condono serviranno, in parte, ad appaltare i primi lavori di rifacimento delle coperture dell'eremo, i cui lavori saranno sostenuti da fondi che saranno reperiti attraverso donazioni di privati e di fondazioni.
Molto importante anche il finanziamento di 200 mila euro per la Valle dei Mulini. Nei secoli scorsi, il percorso che costeggia la valle dei Mulini, oggi battuto solo da escursionisti, era un via-vai ininterrotto di contadini, mugnai, mercanti, doganieri. Olive, castagne, grano, mais venivano trasportati via mare sino al porticciolo di Paraggi e poi a dorso di mulo ai mulini. Oggi, buona parte degli antichi mulini, è stata trasformata in abitazioni, altri sono ruderi abbandonati.
L' Ente Parco di Portofino, grazie a un finanziamento regionale e ministeriale di 270 mila euro, sta recuperando il mulino della Gassetta. L'edificio, di proprietà del comune di Santa Margherita, verrà adibito a museo della cultura contadina del monte di Portofino e ospiterà anche un punto ristoro per gli escursionisti dell'area protetta. L'intervento prevede anche il restauro degli antichi meccanismi del mulino.
Sempre l'Ente Parco, con i fondi stanziati nel bilancio 2006 metterà in sicurezza il percorso che risale la valle dei Mulini che sarà dotata di una segnaletica ad hoc. Con i 200 mila euro del condono verrà completato l' intervento di valorizzazione della Valle dei Mulini anche con la realizzazione di un' area attrezzata.