Portofino, il taxi abusivo è una Jaguar

Il tempo di salire sul taxi, sistemarsi sui sedili posteriori, dare un’occhiata alla luna in fondo alla piazzetta e voilà, sentirsi dire davanti all’Hotel Splendido: «Signori, siamo arrivati: 40 euro prego». Brutta sopresa per un turista svizzero: una bella sommetta per fare sì e no 800 metri, a Portofino, di sera. Ma dal suo esposto è scattata un’indagine dei carabinieri che ha portato alla denuncia di un tassista abusivo che trasportava i clienti su una lussuosa Jaguar.
Il genovese di 41 anni, proprietario di un autonoleggio, per arrotondare faceva il tassista sulle macchine di lusso per i frequentatori della piazzetta più esclusiva della Liguria, per non dire d’Italia, convinto che anche i portafogli fossero di quella portata. Gli è andata bene per parecchio tempo, finché, quel turista svizzero, meno propenso a spendere degli altri, ha pensato bene di denunciare un tassista ai carabinieri. I militari, dopo vari appostamenti, hanno individuato il tipo a bordo della Jaguar e l’hanno denunciato. Secondo quanto ricostruito, anche a seguito di altre testimonianze, l’episodio non sarebbe isolato.