Positivo il bilancio 2006 Gli investitori cedono il 3%

A vendere sarebbero alcuni fondi europei A Piazza Affari il titolo perde l’1,3%

da Milano

Nel giorno della presentazione dei conti 2006, Autogrill ha perso l’1,3%, penalizzata dal collocamento del 3% circa del capitale da parte di Citigroup a 13,57 euro per azione. Secondo fonti finanziarie, l’operazione è da ricondurre a fondi europei che stanno aggiustando le proprie posizioni, ma non coinvolge gli azionisti stabili del gruppo di ristorazione, controllato al 57% da Edizione Holding della famiglia Benetton, attraverso Schema34. Altro azionista rilevante è Generali con poco meno del 5%. Detengono quote intorno al 2% Goldman Sachs Asset Management e Lansdowne Partners.
Non sono bastati i conti positivi, quindi, a rassicurare il mercato. Autogrill chiude il 2006 con un utile in crescita del 17% a 152 milioni di euro, mentre i ricavi sono saliti dell'11,3% a 3,9 miliardi. È quanto si legge in una nota a seguito del consiglio d’amministrazione che ha approvato il bilancio e proposto un dividendo di 0,4 euro per azione, in aumento del 67% rispetto a quello dello scorso anno. Nelle prime 9 settimane del 2007, informa la società, i ricavi sono saliti del 9% rispetto allo stesso periodo del 2006. «Nonostante il periodo di riferimento sia troppo limitato e stagionalmente poco significativo per poter tracciare una tendenza per i mesi successivi - si legge nella nota - l’andamento gestionale conferma sostanzialmente il trend di crescita evidenziato nel precedente esercizio». L’ebitda è a quota 514,1 milioni (+8,2%) e l'ebit a 324,6 milioni (+10,1%). L'indebitamento finanziario netto a fine 2006 è risultato pari a 780,5 milioni, rispetto ai 927,5 al 31 dicembre 2005. Nel 2006 Autogrill si è aggiudicata rinnovi e nuovi contratti per un fatturato cumulato di oltre 7 miliardi e ha realizzato investimenti tecnici per complessivi 213,9 milioni, con un incremento del 9,7% rispetto all’anno precedente.