Posteggiatori abusivi, allarme in città

Da problema locale ad emergenza cittadina. An lancia l’ultimo allarme sui parcheggiatori abusivi, una categoria che tiene ormai in scacco gli automobilisti capitolini. Da due a cinque euro per sorvegliare, si fa per dire, l’auto. Chi non paga rischia brutto: ruota bucata, graffiti sulla fiancata, antenna divelta e così via. «A Roma gli automobilisti sono nelle mani dei parcheggiatori abusivi - denunciano Samuele Piccolo, consigliere comunale di An e Claudio Casano vicecapogruppo di An in XVII Municipio. Le persone più colpite sono le donne che subiscono pesanti intimidazioni e minacce se si rifiutano di pagare il prezzo-pizzo del parcheggio. Episodi come quello della scorsa notte a San Lorenzo con l’extracomunitario che ha preso a calci l’auto di una ragazza che si era rifiutata di pagare si ripetono in ogni zona di Roma solo che troppo spesso le vittime di queste situazioni non denunciano i fatti e preferiscono subire, allontanandosi con le auto rigate nelle fiancate, con le gomme bucate o, come è successo ieri, addirittura prese a calci».
«La situazione è allarmante e riguarda tutta la città - proseguono i due esponenti di An -. Da piazzale della Radio all’Eur, ai lungotevere, letteralmente presi d’assalto il venerdì e il sabato sera, a Trastevere, Testaccio e nei parcheggi in vicinanza dei grandi ospedali come il Policlinico e il San Camillo, è tutto un pullulare di abusivi, divisi territorialmente per nazione ed etnie. E se in passato si accontentavano di poche lire, ora anche loro, risentendo dell’inflazione, chiedendo anche 5 euro. La situazione è particolarmente pesante nel XVII Municipio per la presenza dei tanti tribunali, della Rai e dell’Olimpico. Piazzale Clodio la mattina è loro proprietà mentre nel lungotevere maresciallo Cadorna e viale dello Stadio Olimpico, durante le partite di calcio, se non si versa il cospicuo obolo non si parcheggia. Non vengono risparmiati neanche i ciclomotori e le moto. L’invito a pagare viene addirittura rivolto ai proprietari dei mezzi a due ruote ma qui la richiesta, a causa dell’età e soprattutto delle precarie condizioni delle tasche dei ragazzi, molte volte viene rispedita al mittente». «Oggi (ieri pomeriggio) la situazione - aggiungono - che si è presentata agli automobilisti intenti a parcheggiare nei pressi dell’Olimpico per il concerto di Renato Zero era pesante con decine di posteggiatori intenti a spellare i malcapitati. Ci domandiamo - concludono i due esponenti di An - perché le forze dell’ordine non intervengono per reprimere questo pericoloso malcostume».
Intanto, sempre in tema di caro-parcheggio, sono in arrivo altre zone per la sosta a pagamento. Le annuncia il presidente del Gruppo Misto-Indipendente Sabbatani Schiuma: «Con la proposta di delibera n. 174, approvata dalla Giunta nella seduta del 2 maggio, ai romani toccherà pagare altri soldi per il parcheggio in aree non parcometrate che saranno individuate dai municipi. Le tariffe andranno da quella oraria con un minimo di 0,30 euro e un massimo di 2,50 euro, fino a quella mensile da 30 a 50 euro». Schiuma annuncia di aver presentato un’interrogazione urgente all’Assessore Calamante».