Povero gigolò, dimezzato dal ritocchino...

Ravenna. Bello, giovane, muscoloso e concupito dalle donne. Tanto da essere uno dei gigolò più richiesti della riviera romagnola. Eppure davanti allo specchio gli capitava di vergognarsi. Lo irritava quella leggera incurvatura sul ferro del mestiere. Così entra in ospedale a Ravenna per un raddrizzamento che pareva più semplice di quello della torre di Pisa. Ma in questa vicenda penosa c'è sempre qualcosa che va storto: la gibbosità ribelle sparisce assieme a due centimentri di passione. La funzionalità erettile è salva, l'onore mica tanto: scatta la richiesta di risarcimento danni all'azienda sanitaria. Il gigolò vuole 20mila euro, 10mila a centimetro di epidermide pubica smarrita. Per la sentenza del tribunale di Ravenna invece si prevedono tempi molto lunghi. Almeno quelli...