Pozzato cerca il tris al Trofeo Laigueglia

Il «Trofeo Laigueglia», classica d'apertura della nuova stagione agonistica, è pronto a scattare: il via questa mattina alle 10.40. Nato nel 1964, anno in cui si impose Guido Neri, celebra oggi la sua 44ª edizione.
Sarà il primo impegno dei corridori in Liguria che torneranno nella nostra regione per il Giro d'Italia (a maggio), per il campionato italiano (a luglio), per il Giro dell' Appennino (ad agosto) e per il circuito di Arenzano (ad ottobre).
La gara in linea più importante della nostra regione, sia per la quantità che per la qualità dei concorrenti, riesce a calamitare l'attenzione e l'interesse di migliaia di appassionati, che oggi - come in passato - faranno ala, lungo le strade della riviera di ponente, al passaggio della multicolore carovana.
Saranno duecento i partecipanti alla manifestazione organizzata, dal Comune di Laigueglia suddivisi in venticinque formazioni di otto atleti ciascuna.
Ai nastri di partenza vi saranno la Lampre-Fondital con Ballan (dorsale l in quanto vincitore della passata edizione), Bennati, Baldato e Figueras, la Liquigas con Di Luca, Bertagnolli e Pozzato, la Milram con l'ex campione del mondo Astarloa e Celestino, la AG2R Prevoyance con Nocentini, la Francaise des Jeux con Mc Gee, la Rabobank con Dekker e Moerenhout, la Saunier Duval - Pro dir con Simoni e lo spagnolo Canada, la Unibet.com con gli svedesi Larsson e Ljungblad, la Astana con Gourov e la Cofidis con l'ex campione italiano Moreni.
Oltre alle dieci formazioni sopra citate, tutte appartenenti al gruppo Pro- Tour, si allineeranno ai nastri di partenza Garzelli e Vandenbroucke (Acqua & Sapone), Sella e Mazzanti (Ceramiche Panaria), Anzà e Belli (Diquigiovanni), Pidgornyy (Tenax), Arreitunandia ed Efimkim (Barloworld), Commesso (Tinkoff), Di Grande (Miche), Zagorodny (OTC Doors-Lauretana), Khalilov (Ceramiche Flaminia), Ivanov (Amore & Vita), Schaerer (Volksbank), Veuchel (Chocolade Jacques), Cadamuro (DMT), Nardello (Team LPR) e Simeoni (Aurum Hotels).
Sarà italiano o straniero il quarantaquattresimo vincitore? I candidati sono molti anche perché un successo al «Laigueglia», all'inizio di una nuova stagione agonistica, alza sicuramente il morale. Pozzato cercherà il terzo successo, Ballan, Celestino e Di Luca proveranno a bissarlo ma Bennati, uscito in splendide condizioni di forma del Giro del Mediterraneo e Dekker pongono prepotentemente la loro candidatura.
Il percorso è ormai collaudato con i consueti 183 chilometri comprendenti le tre ascese ai gran premi della montagna che rendono la manifestazione altamente spettacolare e tecnicamente molto impegnativa.
La gara prenderà il via da Laigueglia alle ore 10.40 e punterà verso ponente con l'attraversamento di Diano Marina e di Imperia. Lì la multicolore carovana lascerà la via Aurelia per addentrarsi nell'entroterra: superata Chiusavecchia ci sarà il passo del Ginestro (m. 677 sul l.d.m.) asperità che i concorrenti ritroveranno, affrontata dal versante opposto, dopo quaranta chilometri.
Poi lunga discesa fino a Marina di Andora ove mancheranno 77 Km alla conclusione.
La gara entrerà nella fase calda lungo le rampe della salita di passo Balestrino ove sicuramente si registrerà la selezione dei valori in campo. Successivamente discesa fino a Borghetto S.Spirito e finale a tutto gas nei 18 chilometri che portano al traguardo ove la conclusione è prevista poco dopo le ore 15.
L'albo d'oro è ricco di nomi famosi: due volte si sono imposti Dancelli, Merckx, Bitossi, Gavazzi, Sorensen e Pozzato, mentre tra coloro che per una volta hanno assaporato il gusto della vittoria ricordiamo Zilioli e Baronchelli, Maertens e De Vlaeminck, Saronni ed Armstrong, Museeuw e Bartoli, Celestino e Di Luca.