Prandelli: «Serve un tetto di 22 giocatori a squadra»

da Firenze

Per un calcio più equo, con meno distanza fra i grandi club e quelli medio-piccoli bisogna mettere un tetto al numero di tesserati: è la proposta di Cesare Prandelli. «Al di là della questione dei diritti tv, la soluzione migliore, come ripeto da tempo, sarebbe limitare il tesseramento dei giocatori, non più di 22 per squadra più qualche giovane - dice l'allenatore della Fiorentina -. Ciò vorrebbe dire toglierne almeno 15 all'Inter, 10 alla Juve e al Milan, 5-6 a qualche altra società. Così si rispetterebbero tutti i club e la gente tornerebbe a sognare: impedirglielo è la cosa più brutta. Con questa regola non vedremmo più Cruz fare la quinta punta nell'Inter ma il titolare altrove. E poi come si può pensare di valorizzare i giovani se in una rosa di 40 giocatori se ne hanno 39 stranieri?».