Pranzi e cene a tre stelle scontate del 50 per cento

Il «Festival del gusto» offre a prezzi ridotti i piatti degli chef più noti Ottocento i ristoranti in città che aderiscono. Online le prenotazioni

Dai tanti e noti talent show televisivi in giù, l'invasione è ormai completa: showcooking nei locali della città, corsi di cucina, blog di ricette, e soprattutto loro, gli chef stellati. Paparazzati come attori famosi, ammirati come campioni dello sport, imitati come nuovi artisti di riferimento.

Il resto lo fa l'imminente Expo dedicata al cibo: l'attenzione è tale da incuriosire almeno un po' anche chi è abituato a fermarsi ai piatti base, dalla pasta al pomodoro all'uovo fritto. Però diciamoci la verità: esclusi i veri appassionati, quanti frequentano abitualmente ristoranti di lusso, dove sperimentare ogni volta creazioni culinarie nuove, firmate dalle stelle dei fornelli?

Perché è inutile fingere che non sia così: certe «esperienze» - guai a chiamarle semplicemente «pranzo» o «cena» – hanno un prezzo. Spesso non proprio alla portata di tutti. Da qualche giorno fino a venerdì questa regola vive un'eccezione, grazie al Festival del Gusto che per la prima volta arriva a Milano dopo aver toccato altre grandi città europee come Parigi, Madrid, Barcellona e Buxelles. Per quindici giorni la cucina stellata sarà alla portata di tutti, con sconti fino al cinquanta per cento sullo scontrino finale, bevande comprese.

Come funziona? Bisogna prenotare sulla piattaforma online TheFork.it (il portale delle prenotazioni dei ristoranti di Tripadvisor, ndr), in uno dei ben 800 ristoranti che aderiscono all'iniziativa in città. «Il Festival del Gusto nasce per avvicinare Milano all'alta ristorazione, perché se è vero che i media hanno portato la cucina d'autore nelle case, si pensa ancora che questa sia rivolta esclusivamente a un pubblico ristretto di palati fini, quando invece è a tutti che vuole parlare», spiega Almir Ambeskovic, country manager di TheFork per l'Italia.

Come padrini. il Festival ha alcune tra le firme più note della cucina milanese e internazionale, che per l'occasione presenteranno dei menu ad hoc: Felice Lo Basso (Unico), Giancarlo Morelli (Pomiroeu), Tano Simonato (Tano Passami l'Olio), Matteo Torretta (Asola), Elio Sironi (Ceresio 7) e Andrea Provenzani (Il Liberty).

Quattro i percorsi culinari che guidano le esperienze gastronomiche nei vari ristoranti durante il Festival: mare, terra, mondo e Italia. Dagli amanti del pesce a quelli della cucina etnica o dei piatti della tradizione nostrana, ce n'è insomma per soddisfare tutti i gusti.

E chi ambisce a varcare la soglia di un luogo ormai di culto tra gli esperti potrà partecipare al concorso per mangiare gratis da «D'O», il sempre affollatissimo ristorante dello chef Davide Oldani: dieci posti, infatti, vengono offerti in esclusiva da TheFork: per candidarsi bisogna iscriversi al concorso online sul sito di Radio Montecarlo.