Prato, clochard muore soffocato nel cassonetto di abiti usati

Un senza fissa dimora si è introdotto nel cassone di indumenti alla ricerca di qualche capo di abbigliamento, ma è rimasto incastrato. Nonostante l'allarme e i soccorsi tempestivi non c'è stato nulla da fare

Prato - È rimasto incastrato all'interno di un cassonetto per la raccolta di abiti usati e, malgrado l'intervento immediato dei soccorsi, è morto per presunto soffocamento. È accaduto al scorsa notte a Prato. La vittima è un senza fissa dimora, immigrato dell' Est, dell'apparente età di 30-40 anni. Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto, l'uomo era riuscito a entrare in un cassonetto per la raccolta degli indumenti, probabilmente per portarne via alcuni. Poi, però, è rimasto incastrato all'interno e gridando ha richiamato l'attenzione di alcuni ragazzi. Immediatamente è stato dato l'allarme ai vigili del fuoco e alla centrale del 118. I soccorsi sono arrivati tempestivamente e i pompieri sono riusciti ad aprire il cassonetto giallo e a far uscire l'immigrato. Ma subito dopo l'uomo si è accasciato a terra privo di coscienza e sono risultati inutili i tentativi di rianimarlo. Sulla vicenda indagano i carabinieri.