Precari, al via il censimento

Quanti sono i precari nella pubblica amministrazione? A chiederselo è il ministro Renato Brunetta (foto) che annuncia un censimento. Entro un mese tutti i Comuni e gli enti pubblici sono tenuti a comunicare quanti lavoratori precari hanno, cosa fanno, da quanto tempo ci sono. Ieri è partita la lettera ufficiale con la richiesta e, di settimana in settimana, sul sito del ministero, saranno pubblicati i numeri aggiornati. «Se qualche ente non mi risponderà - avverte Brunetta - ne dedurrò che non ha precari». Una volta completata l’anagrafe dei lavoratori con contratto a termine, scatterà il piano B: bandi di concorso per regolarizzare quelli che, pur essendo a tempo determinato, prestano servizio da tre, quattro, cinque anni, magari svolgendo mansioni di una certa importanza. Niente sanatorie, niente «dentro tutti» ma assunzioni esclusivamente basate sul merito. Brunetta puntualizza che, nonostante la crisi, non sono previsti tagli di personale nella pubblica amministrazione: «Con lo stesso capitale umano di ora - precisa - arriveremo a produrre il doppio», tanto da rendere tutti fieri del marchio «pa», come se si trattasse della Ferrari.