Precipita elicottero in Pakistan Scortava Musharraf: 4 vittime

Continuano i combattimenti nel Waziristan: quasi 200 morti

Islamabad. Un elicottero di scorta al presidente del Pakistan Pervez Musharraf è precipitato ieri mattina a Mujhoi, a circa 20 chilometri da Muzaffarabad, nel Kashmir pachistano. Uno schianto che ha provocato la morte di quattro soldati e il ferimento di un numero imprecisato di passeggeri, tra cui il portavoce del capo dello Stato, Rashid Qureshi. Le cause del disastro sono ancora da accertare, ma a soli tre giorni dalla contestata elezione di Musharraf alla presidenza e gli scontri nel Paese tra militari e manifestanti, c’è chi parla di un attentato fallito al capo dello Stato. Ipotesi avvalorata dalla tesi di alcuni testimoni che hanno dichiarato di avere visto l’impatto di un missile con l’elicottero, uno dei tre impegnati nella scorta del presidente,, che si trovava in un altro elicottero. Musharraf, 64 anni, è sopravvissuto ad almeno tre attentati attribuiti ad al Qaida: due nel dicembre 2003 e l’ultimo in luglio quando ignoti hanno aperto il fuoco contro il suo aereo a Rawalpindi. Continuano intanto i combattimenti tra soldati e guerriglieri filotalebani nella regione pakistana del Waziristan, al confine con l’Afghanistan. In due giorni di combattimenti i morti sono saliti a 145 tra i guerriglieri e a 45 tra i militari.