La preferita dal mercato resta la A4

Ha la sua età (il modello attuale è stato lanciato nel 2001), ma tra le auto aziendali continua a farla da padrone. Come ha rivelato un sondaggio di Leaseplan, società di leasing del gruppo Abn Amro, l’Audi A4 piace perché offre un ottimo rapporto tra qualità e prezzo, contribuisce a dare un’immagine positiva dell’azienda e coniuga prestazioni elevate con livelli di comfort al top. Ha giovato al modello anche il recente restyling che ha reso più accattivanti sia il frontale con la grande calandra a «U» che sancisce l’appartenenza alla famiglia dei «quattro anelli» sia la coda. È cresciuto, inoltre, il tasso tecnico della vettura: la raffinata sospensione anteriore Multi-link, in particolare, ha reso l’avantreno più preciso negli inserimenti in curva e più sincero nelle reazioni. Altro punto di forza della A4 è la gamma di motori, alcuni dei quali abbinati alla trazione integrale «quattro». Chi predilige i benzina può spaziare dal 4 cilindri 1.6 (102 cv) fino al V8 4.2 (344 cv) della sportivissima versione S4. In mezzo ci sono il motore 1.8 turbo (163 cv), il 2.0 in versione aspirata (131 cv) oppure turbo con il sistema di alimentazione Fsi a iniezione diretta di benzina (200 cv) e il possente 3.2 V6 (256 cv). Passando ai diesel, la A4 offre il meglio della tecnologia TDI con i sistemi d’iniezione Common rail oppure iniettore pompa. La gamma si apre con il classico motore 4 cilindri di 1.9 litri nella versione da 115 cavalli, passa per il 2 litri da 140 cavalli e si chiude con tre propulsori V6: il 2.5 da 163 cavalli, il recente 2.7 da 179 (il più gettonato) e il 3.0 da 233 cavalli. I prezzi dell’Audi A4 partono da 27.500 euro, chiavi in mano ,per la berlina e da 29.050 euro per la versione Avant, cioè station wagon.