Premiato il cane più brutto d'America, la sua padrona l'aveva creduto un topo

Lingua sporgente, zampe lunghe, cresta spelacchiata Yoda ha vinto in California l'ultimo concorso di bruttezza per quadrupedi. Senza raggiungere i livelli di Sam, «Chinese crested»: corpo nudo, denti storti e muso completamente ricoperto di verruche, fu per anni trionfatore incontrastato della singolare gara

Anche quest'anno uno dei concorsi più stravaganti al mondo, quello dei cani brutti, si è concluso «felicemente» incoronando re dei mostriciattoli una bestia così orripilante che la sua attuale padrona inizialmente l'aveva scambiato per un ratto. Anzi per una «ratta» in quanto il vincitore quest'anno è una «lei» Yoda, 14 anni della California, che si è aggiudicata l'edizione 2011.
L'incontro fatale, avvenne qualche anno fa quando Terry Schumacher vide la cagnolina aggirarrs dentro a un palazzo e lei inizialmente pensò si trattasse di un topo. Invece era una minuscola meticcia, lei la portò a casa e la adottò. E nella ricerca del nome, la sua scelta cadde su Yoda, guerriero Jedi e poi maestro incaricato dell'istruzione di tutti che gli aspiranti cavalieri, ultimo di una lunga serie Luke Skywalker. Anche lui, come ben ricordano gli amanti di Guerre Stellari, non certo un esempio di bellezza e armonia.
Ora che è diventata grande, pesa meno di un chilo e si è rivelata essere un incrocio tra un cane nudo cinese e un chihuahua. Caratteristiche: lingua sporgente, zampe lunghe, cresta spelacchiata sul capo. Un insieme che le ha fatto vincere il 23esimo concorso annuale alla fiera Sonoma Marin di Petaluma, nel nord della California. La generosità di Terry dunque è stata ricompesata dal premio in denaro, mille euro, e quel che Andy Warhol aveva definito il «quarto d'ora di celebrità» a cui prima o poi ciascuno di noi ha diritto.
Le ultime edizioni del concorso di bruttezza sono comunque un vero campionario di scherzi della natura. 2007 vinse per esempio Elwood, arrivato dal New Jersey, un incrocio tra un chihuahua ed un cane nudo cinese. Colore grigio, pelle grinzosa, lingua penzoloni, occhio sinistro semichiuso in un muso che sembra sia stato schiacciato tra due mattoni. L'anno dopo l'ambito trofeo è statao vinto da Gus: anche lui adottato dopo essere stato abbandonato, ha perso i peli del corpo e gli è stata amputata una gamba a causa del cancro alla pelle, ha perso l'occhio sinistro in un combattimento. Si portò bene nel 2009 anche Pabst, un boxer di 5 anni, con i denti sporgenti e l'aspetto di un criceto. Mentre l'anno scorso la corona del più «brutto del reame» è andata a «Rascal», qualcosa come bricconcello, una specie di «cane africano della sabbia» senza denti e un ciuffo bianco sulla testa. «Penso sia il più bel cane che abbia mai visto» esclamò al momento della premiazione la sua padrona, Dane Andrew.
Anche se l'animale che sicuramente passerà alla storia del concorso sarà Sam, morto nel 2005 Santa Barbara, in California, all'età di 15 anni. Sam, un esemplare purissimo di «Chinese crested» aveva il corpo nudo, senza peli eccetto un ciuffetto sulla testa, i denti storti e il muso completamente ricoperto di verruche. Tutte queste particolarità gli avevano garantito una grande popolarità. Sam aveva infatti oltre a sbaragliare tutti nei concorsi di bruttezza, partecipò a diversi show televisivi. Il povero animale soffriva di gravi disturbi cardiaci e così la sua padrona, Susie Lockeed, si vide a malincuore costretta a doverlo sottoporre a una iniezione letale, per porre fine alle sue sofferenze. «Non credo che ci sarà mai un altro Sam - commentò allora la donna - e per alcuni è una buona notizia».