Il premier alla cena elettorale del Pdl

A meno di un impegno all’ultimo momento, ci sarà anche il premier Silvio Berlusconi questa sera al «Grande evento cena 2009» del Popolo della libertà organizzata allo Spazio East end studio di via Mecenate 90. E la sorpresa potrebbe essere Letizia Moratti che chiede ufficialmente la tessera del partito. Una decisione già presa e che aspetta solo una grande occasione pubblica per l’ufficializzazione. Facile pensare che oggi, con Berlusconi possibile gran cerimoniere, potrebbe essere il giorno giusto.
Il modello è quello delle grandi kermesse elettorali, con 2.300 ospiti divisi in tavoli da dieci. A far gli onori di casa il ministro e coordinatore nazionale del Pdl Ignazio La Russa, il governatore Roberto Formigoni, il sindaco Letizia Moratti e il presidente della Provincia e coordinatore regionale Guido Podestà, il vice coordinatore Massimo Corsaro, i ministri Mariastella Gelmini e Michela Vittoria Brambilla. Attesi anche deputati, senatori, assessori regionali, comunali e provinciali. I consiglieri delle amministrazioni locali oltre, ovviamente, ai militanti e simpatizzanti. La quota di partecipazione è di 50 euro, ma a ministri, deputati e assessori è stato chiesto di organizzare (e quindi di pagare) almeno 5 tavoli da dieci. Un metodo di autofinanziamento all’americana che va prendendo sempre più piede. Anche se vista la crisi, spiegano gli organizzatori, si è deciso di tenere piuttosto basso il prezzo della serata. E quindi i ricavi (se ce ne saranno) saranno sicuramente risicati.
Un’occasione anche per lanciare la campagna di tesseramento al partito che sta entrando nel vivo. Le giornate clou, quelle in cui verranno allestiti i gazebo nelle città e verranno raccolte le domande di adesione al partito, le «Giornate nazionali del tesseramento» saranno il 12 e il 13 dicembre. Così come previsto da una circolare inviata ieri ai coordinamenti regionali, provinciali e cittadini del Pdl dai tre coordinatori nazionali Ignazio La Russa, Denis Verdini e .