Premio «Carlo Porta» a Mike, Verzè e Mazzarella

Sarà Memo Remigi, affiancato dalla bella Gloria Anselmi, a condurre al Teatro Manzoni la manifestazione che oggi (ore 17,30) vedrà la consegna del premio «Carlo Porta» a tre personaggi i quali, va da sé, faranno il pieno di pubblico per la loro notorietà: Mike Bongiorno, per «Milano in TV», Piero Mazzarella per «Milano in teatro» e don Luigi Verzè per «Milano nel Mondo». Simbolo del premio destinato «a coloro che con la loro opera culturale e la loro personalità hanno onorato la città di Milano» è la statuetta, opera dello scultore Domenico Greco, che ritrae il noto poeta dialettale milanese in una posa simile a quella posta al Verziere. Il «Carlo Porta», riconoscimento che in 43 anni di esistenza annovera fra i suoi premiati Giovanni D'Anzi, Liliana Feldmann, Antonio Greppi, Ernesto Calindri, don Virginio Colmegna, Gianrico Tedeschi, la coppia Mondaini-Vianello, Mariangela Melato e Umberto Veronesi, è promosso dal Circolo Filologico Milanese, istituzione fondata nel 1872, e finanziato dalla azienda Facco Spa in collaborazione con il Credito artigiano e il patrocinio degli assessorati alla Cultura di Comune e Provincia di Milano e Culture, identità e autonomie della Regione Lombardia. Da parte sua, il Comune di Rocca Grimalda (Al), località della quale il Porta apprezzava il vino Dolcetto citato anche in alcune sue strofe, ha ospitato organizzatori e conferenza stampa sull’evento. A Mike Bongiorno, icona della Televisione fin dai tempi di «Lascia o Raddoppia?», Piero Mazzarella, attore dialettale meneghino e don Luigi Verzè, promotore dell’Ospedale San Raffaele e rettore della libera Università Vita-Salute, verrà lasciato il palco per dire la loro mentre, a coronare la cerimonia, saranno i canti del quartetto Mnogaja Leta, gruppo di professionisti milanesi doc. L’ingresso al Manzoni è gratuito e possibile fino all’esaurimento dei posti.