Premio Nobel Vargas Llosa: troppa trasparenza è pericolosa

Stoccolma Troppa trasparenza fa male alla democrazia: parola del premio Nobel per la letteratura, il peruviano Mario Vargas Llosa.
Parlando in una conferenza stampa a Stoccolma a pochi giorni dalla cerimonia del Nobel, lo scrittore, ex marxista diventato liberale e convinto oppositore dei regimi totalitari, ha affermato di avere una posizione «contradditoria» sul concetto di trasparenza. «Da una parte - ha affermato commentando le rivelazioni di Wikileaks - penso che la trasparenza sia una cosa meravigliosa perchè tutto viene portato alla luce e questo protegge dall’intrigo, dai complotti e dalle bugie». «D’altra parte - ha aggiunto - se tutto viene alla luce, se tutte le forme di segretezza e privacy scompaiono, non so veramente come uno Stato possa funzionare». «Lo Stato - ha aggiunto - si troverebbe in una posizione di tale debolezza che le istituzioni, essenza della democrazia, sarebbero messe in pericolo. L’essenza stessa della democrazia sarebbe a rischio». Un «paradosso», ha spiegato lo scrittore secondo cui a essere esposti a questo rischio sono proprio gli Stati democratici, mentre le dittature rimangono al sicuro.