Prescrizione per 5 medici del S. Filippo

È caduto in prescrizione il procedimento penale che ha avuto come protagonisti 5 medici del San Filippo Neri, rinviati a giudizio per aver sbagliato la diagnosi a un malato di tumore. La vicenda dell’uomo di 37 anni - informa una nota dell’Italia dei Valori - inizia nel gennaio 2000. «L’uomo - è detto nel comunicato - viene ricoverato più volte al San Filippo Neri, ma continua a dimagrire, vomita, tossisce e ha la gola gonfia. I medici lo rassicurano: è mal di gola. Nel settembre 2001, in seguito a uno svenimento, l’uomo viene soccorso da un medico del Cristo Re poi gli viene riscontrato un linfoma». «Il paziente denuncia 2 primari e 3 medici del San Filippo Neri - si legge ancora nella nota - ma dopo un processo durato 7 anni e 5 rinvii a giudizio, il reato di negligenza, imprudenza e imperizia è prescritto. L’ex guardia giurata è attualmente invalido al cento per cento e ha perso il lavoro». Roberto Soldà, segretario romano dell’Idv, commenta: «È un ennesimo grave episodio di malasanità. L’aspetto problematico è la lungaggine dei tempi della giustizia».