Presentata la «Rosa nel pugno»

Emma Bonino, eurodeputata dei Radicali, e il segretario nazionale dello Sdi Enrico Boselli hanno presentato ieri all’hotel Michelangelo di piazza Duca d’Aosta la «Rosa nel Pugno», nuova forza politica laica, socialista, liberale e radicale. I due leader hanno parlato di fronte a una scenografia modernissima, con quattro schermi al plasma sul quale sono state proiettate riprese dal vivo della manifestazione. Molte le personalità politiche presenti tra cui Sergio Fumagalli e Alessandro Litta Modignani, segretari regionali dello Sdi e dei Radicali, e il senatore Sdi Roberto Biscardini.
Boselli ha sottolineato che la decisione di appoggiare il candidato per le primarie dell’Unione, Bruno Ferrante, spetterà «ai vertici milanesi del partito», ma ha ribadito che «è stato un grande errore rinunciare alla candidatura di Veronesi». Per Boselli, la responsabilità della rinuncia del professore «è dovuta anche ai tanti conservatori che ci sono nella sinistra milanese». Ma a Milano, la Rosa nel pugno «può dare un grande contributo alla vittoria del centrosinistra». Sull’ipotesi che i radicali presentino un proprio candidato alle primarie milanesi, Boselli ha risposto con secco: «Non lo so».