Presi gli spacciatori delle scuole

Un’organizzazione di nordafricani dedita allo spaccio di droga nei pressi delle scuole del centro storico è stata sgominata dalla squadra mobile, dopo che le mamme dei giovani studenti avevano segnalato il preoccupante fenomeno. Quattro marocchini, ritenuti i fornitori, sono stati arrestati sabato scorso. Nell’appartamento dove sono stati bloccati, in via Greto, sono stati sequestrati 350 grammi di eroina e 100 grammi di hashish. Altri tre componenti della banda, composta principalmente da marocchini, erano già finiti in carcere nel febbraio scorso. Un altro era riuscito a fuggire ed è stato quindi denunciato in stato di irreperibilità. Due sono stati denunciati in stato di libertà.
Erano stati sorpresi a vendere sostanze stupefacenti agli studenti all’uscita dalla scuola. Sabato mattina, al termine di una serie di indagini e di appostamenti, le manette sono scattate per Abdelmajid Ammar, 23 anni, Abdeerrahim Rabah, 20 anni, Raced Rame, 18 anni, e Kazza Simo, 19 anni, tutti di nazionalità marocchina. L’indagine è scattata in seguito a numerose segnalazioni circa la presenza di attività di spaccio nei pressi degli istituti scolastici. I genitori dei ragazzi erano esasperati e avevano avvertito i dirigenti scolastici e le forze dell’ordine, Gli spacciatori si appostavano vicino alle scuole nell’ora di uscita degli studenti e cercavano così di passare inosservati approfittando della confusione. Per far scattare la trappola è stato però necessario attendere il momento giusto e ricostruire la composizione dell’organizzazione.