Presidente e consiglieri negativi al test antidroga: «Una politica trasparente»

Tutti negativi al Municipio XX. Il presidente Massimiliano Fasoli e 13 fra consiglieri e assessori del territorio sono risultati tutti negativi al test rapido delle urine per l’individuazione di tracce di cocaina e marijuana. Un test dimostrativo che però come spiega Fasoli: «È stata l’occasione per dare seguito a una proposta di più di tre mesi fa che proponeva di fare il test a dipendenti e amministratori degli uffici pubblici. Siamo per una politica trasparente, la dimostrazione di oggi è un segnale per le altre istituzioni». Assieme a Fasoli hanno effettuato il test, sotto l’occhio vigile di un medico e un operatore di Villa Maraini, il capo gruppo di An Ludovico Todini, quello dell’Udc Giuseppe Molinari, quello di Fi Dario Antoniozzi, quello del gruppo Misto Roberto Cantiani, il presidente del Consiglio municipale Marco Petrelli e, l’unica donna, Carolina Di Napoli dell’Udc e altri consiglieri del centro destra. «Della privacy non vogliamo saperne - ha aggiunto Fasoli - quando si diventa un uomo pubblico ci sono cose che devono essere rese note. È anche un modo per dare fiducia agli elettori che hanno scelto chi li governa. Vogliamo dare chiarezza e trasparenza. Trovo opportuno estendere questo test anche agli autisti del trasporto pubblico cittadino. Sono venuti gran parte dei consiglieri, nel XX sono 29 fra consiglieri ed assessori, ma faremo un altra giornata sempre a sorpresa come questa. È un segnale e un esempio fattivo nella giornata di oggi che è dedicata alla lotta alla droga».