PRESIDENTE ED EX CALCIATORI DEL PERÙ SI SFIDANO

Come ai G8 e ai summit di rilievo, anche a Lima c’è stato un piccolo controvertice dei no-global. Città chiusa (il premier peruviano ha imposto una vacanza di due giorni agli abitanti della capitale), polizia con le armi in pugno in tutti i punti strategici, controlli a tappeto. Nessuno scontro, comunque e niente violenze. Anche se per la verità qualche calcio è volato, sul campo dell’università di Lima tra una squadra no-global capitanata dal presidente boliviano Evo Morales e quella composta dai giocatori peruviani che parteciparono al mondiale del 1970 in Messico, tra i quali figuravano tra gli altri Cubillas e Uribe. Risultato finale: 2 a 2. Con tanti, piccoli infortuni. E un gol, su rigore, dello stesso Morales.