Il presidente sceglie la Corte Suprema

Al vertice del potere giudiziario negli Usa c’è la Corte Suprema, che giudica anche sulle dispute tra singoli Stati e sull’interpretazione costituzionale. I 9 magistrati che la compongono sono tutti nominati a vita dal presidente. La Corte fa capo a un procuratore generale, anch’egli di nomina presidenziale. Il Congresso ha il potere di creare e abolire le corti federali (civili e penali) nei singoli Stati, e di determinarne il numero dei giudici. Anche i giudici federali, compresi quelli delle Corti d’appello, sono nominati dal presidente, con la conferma del Senato.