Al presidente del Siena sequestrati beni per 400milioni

Immobili (tra cui il teatro Ambra Jovinelli di Roma) elicotteri, conti correnti, pacchetti azionari e titoli sequestrati a
Giovanni Lombardi Stronati  <br />

Roma - Una bufera si è abbattuta sul presidente del Siena Giuseppe Lombardi Stronati, indagato dalla procura di Roma in un’inchiesta su operazioni immobiliari illecite. Le accuse ipotizzate sono "reimpiego di capitali illeciti, mancata dichiarazione dei redditi e altri reati di tipo valutario". La Guardia di finanza di Roma ha sequestrato beni mobili e immobili nella disponibilità di Lombardi Stronati. Tra i beni gestiti da una delle sue società, anche il teatro Ambra Jovinelli di Roma.

Tra i beni gestiti da una delle società di Lombardi Stronati (gli indagati sono complessivamente otto) vi è anche il teatro Ambra Jovenelli di Roma. La Guardia di Finanza ha anche sequestrato proprietà immobiliari a Roma, Torino, Guidonia, una villa ad Arazachena, in Sardegna, due elicotteri, un Bentley, una Audi A8 nonché alcuni dipinti tra cui due Picasso e un Modigliani. Secondo quanto accertato dalla guardia di finanza il giro di compravendita è di 194 miliardi di euro. Agli indagati si contestano a vario titolo i reati di appropriazione indebita e rimpiego di capitali illeciti. Tra gli indagati inoltre risulta anche l’immobiliarista Vittorio Casale già coinvolto a Roma in una inchiesta insieme con l’ex presidente di Unipol Giovanni Consorte.