Presidenza Ue a Cipro La Turchia ora minaccia: "Congeliamo i rapporti"

Il governo di Ankara ha deciso di <em>congelare</em> i rapporti con l'Europa se l'Ue &quot;assegnerà la
presidenza di turno a Cipro Sud&quot;. Frattini: &quot;Non possiamo perdere la Turchia&quot;

Ankara - L'ingresso della Turchia nell'Unione europea rischia uno stop. Il governo di Ankara, infatti, ha deciso di congelare i rapporti con l'Europa se Bruxelles "assegnerà la presidenza di turno a Cipro Sud", come previsto, da luglio 2012. Il vicepresidente Besir Atalay ha sottolineato come la minaccia sarà messa in atto se "i negoziati di pace a Cipro non saranno conclusi"

La Turchia, infatti, riconosce la Repubblica di Cipro del Nord (invasa proprio dai turchi nel 1974 e che ha dichiarato la propria indipendenza nel 1975), ma non quella Cipro Sud, che rappresenta i greco-ciprioti. La seconda è però membro dell’Ue dal 2004 e ha tutto il diritto ad entrare nella rotazione semestrale per l'assegnazione della presidenza di turno.

La mossa preoccua il ministro degli Esteri italiano che sostiene: "Non possiamo permetterci di perdere la Turchia. Secondo Franco Frattini, infatti, allontanare Ankara dall’Europa sarebbe "un errore gravissimo", perché in questo modo si spinge il Paese verso Est: "Le recenti dichiarazioni anti-israeliane di Erdogan sono un segnale allarmante".