PER LE PRESIDENZIALI

Il premier Vladimir Putin ha accettato con «riconoscenza» la candidatura alle presidenziali del 4 marzo 2012, presentata dal suo partito, Russia Unita, durante il congresso in corso a Mosca. La candidatura è stata approvata all’unanimità: 614 sì su 614 voti. E lui ha subito attaccato: «Alcune potenze straniere finanziano ipolitici dell’opposizione per influenzare le prossime elezioni alla Duma. Meglio usare quei soldi per sanare i debiti statali.