Presidio leghista contro il voto agli stranieri

La protesta del Carroccio: «No alla moschea. Tuteliamo la nostra civiltà»

da Crema

La sezione della Lega Nord di Crema (Cremona) ha organizzato un presidio davanti al palazzo comunale della città per protestare contro la proposta, discussa in Consiglio comunale, di concedere il voto amministrativo agli extracomunitari. Al presidio ha partecipato anche Andrea Gibelli, capogruppo del Carroccio alla Camera. «Concedere il voto agli immigrati extracomunitari - ha detto Gibelli - sarebbe un grave errore, significherebbe vendere la nostra storia, la nostra gente, la nostra identità in cambio di un indebito vantaggio politico». La Lega Nord di Crema ha organizzato, per i prossimi giorni, anche un altro presidio, in via Sabotino, davanti al palazzo dove dovrebbe essere trasferita la moschea e il centro islamico. Iniziativa analoga di An contro la realizzazione della moschea a Cornigliano. Si svolgerà domani nei giardini Melis di Cornigliano. An sollecita un referendum consultivo, propone a Regione e Comune di attivarsi per individuare un'area alternativa e chiede un incontro con l'arcivescovo di Genova e i parroci di Cornigliano. «Con questa iniziativa intendiamo renderci portavoce dei tantissimi cittadini che contestano l'amministrazione comunale per avere assunto una decisione che stravolgerà la vita del quartiere di Cornigliano senza tenere nel benché minimo conto il parere dei residenti» affermano i promotori di An.