Preso egiziano per atti osceni

Alla vista di quell'uomo che si masturbava seduto su una panchina dei giardinetti e in pieno giorno, incurante della presenza dei bambini che giocavano nei dintorni, una mamma ha telefonato alla polizia. Quando gli agenti sono intervenuti, però, Akram E.S., egiziano di 27 anni, ha reagito con parolacce, calci e pugni a un agente (ne avrà per 5 giorni per una contusione alla mano), tentando di darsi alla fuga. L'episodio è avvenuto in via don Rodrigo (zona Famagosta). Lo straniero è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Denunciato a piede libero, invece, per atti osceni in luogo pubblico.