Preso Giorgio Napolitano: rubava in un’auto

È un omonimo del nostro presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il balordo 43enne arrestato lunedì, in flagranza, dai poliziotti del commissariato Greco-Turro. L’uomo ha ben 23 precedenti penali, 11 per evasione, ed è stato catturato dopo aver rotto il finestrino di una Nissan Patrol ed essersi impossessato di un navigatore satellitare «Tom Tom». La vettura era parcheggiata in via dell’Innovazione alla Bicocca insieme a quelle di centinaia di persone che il lunedì seguono la registrazione di «Zelig» al Teatro degli Arcimboldi. Parcheggio scelto come riserva di caccia del nostro topo d’auto che potrebbe essere responsabile di altri 19 colpi messi a segno un paio di settimane fa. Dopo alcuni appostamenti andati a vuoto, l’altra sera un poliziotto si è finto mendicante, mentre il collega si era nascosto nel bagagliaio di una vettura. E così hanno potuto sorprendere Napolitano subito dopo la spaccata alla Nissan.