Preso romeno che aggredì il prete

È stato arrestato dalle pattuglie delle volanti mentre con una motosega rotante tentava di rapinare un supermercato di Catania l'aggressore del parroco della chiesa di San Siro di Genova, don Luigi Traverso, ricoverato in prognosi riservata all'ospedale San Martino l'8 ottobre scorso con gravi ferite alla testa. Secondo quanto ricostruito ieri mattina dalla squadra mobile in questura a Genova, l'aggressore di don Traverso, George Iordache, romeno, di 38 anni, clandestino, pregiudicato, era stato identificato grazie alle impronte digitali che aveva lasciato nei locali della sagrestia, luogo dell'aggressione, dove con uno scalpello aveva colpito più volte alla testa il prete rubandogli poi il cellulare e una sessantina di euro. Dopo l'accertamento, gli investigatori della sezione rapine della squadra mobile genovese, sulla base di un'attività di intelligence, erano riusciti a rintracciare la presenza del romeno a Catania, tanto che la questura della cittadina siciliana aveva avviato un'autonoma attività investigativa. Giovedì, Iordache, trovandosi davanti agli agenti delle volanti di Catania, ha azionato la motosega sperando di guadagnare la fuga, ma al termine della colluttazione è stato tratto in arresto. Una volta identificato, in questura, al romeno è stata notificata anche l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per l'aggressione al parroco genovese.