Prestigiatori e ballerini in aiuto dei bimbi «difficili»

Ci si imbatte persino in Mary Poppins, nella Fata Turchina e nelle più moderne Winx, nel viaggio in cui lo spettacolo Eleonora nel magico paese dei Grisby ci guida. In scena domani, sabato e domenica al Salone Margherita, l’evento è di quelli che non si dimenticano facilmente: magia, illusionismo, danza e poesia si mescolano alternando esibizioni di alto livello, apparizioni, sparizioni, giochi all’apparenza inspiegabili, acrobazie, coreografie e numeri con contorsionisti, giocolieri, acrobati e ballerini. Non a caso, la direzione artistica per le grandi illusioni è firmata da Gianni Mattiolo, tra i massimi prestigiatori ed esperti di magia, e la supervisione degli effetti speciali è affidata a un altro «nume» del settore quale Mirco Menegatti. In scena troviamo Eleonora la prestigiatrice, che arriva direttamente dal più importante palcoscenico di magia a livello internazionale, il Magic Castle di Hollywood, con Tatiana Budzan, contorsionista che si è aggiudicata niente meno che il Guinness dei primati.
Allo spettacolo si lega un progetto di raccolta fondi per la salute mentale di bambini e adolescenti. L’iniziativa, della Fondazione Mario Lugli onlus, lasciata la Capitale toccherà diverse regioni e non dimenticherà l’Abruzzo e in particolare l’Aquilano, dove i più piccoli hanno subito traumi importanti a causa del sisma del 6 aprile scorso.
«Lo scopo - spiegano alla fondazione - è sostenere le famiglie nella crescita dei bambini di 3-14 anni, con attenzione alle difficoltà che possono insorgere in ambito cognitivo, emotivo e comportamentale. Nella storia di Eleonora nel paese dei Grisby si trovano forti richiami simbolici al disagio mentale, perché i mondi generati dalla malattia mentale sono sospesi tra il reale e l'immaginario».
Oggi e sabato ore 21, domenica ore 18. Informazioni: 06.6791439.