Presto al via i lavori per il nuovo campus aperto alla città

«I lavori - aveva annunciato lo scorso marzo - partiranno entro un anno». Ieri, Giovanni Puglisi, rettore dello Iulm, ha confermato che presto il cantiere sarà aperto. Si aspettano le ultime autorizzazioni ma presto, assicura, si comincerà.
Lo Iulm, l’università di lingue e comunicazione, 9mila iscritti, il 15 per cento dei quali provenienti da altre regioni, costruirà il Knowledge Transfer Centre (questo il nome dell’edificio) a fianco alla sede attuale al posto di una fabbrica dismessa. «Sarà un campus aperto a tutta la città» aveva spiegato un anno fa il rettore. La spesa (tra i 15 e i 18 milioni di euro) sarà tutta a carico dell’ateneo, «come abbiamo fatto sempre del resto» ha ricordato ieri. Ci saranno un auditorium da 900 posti dove tenere lezioni e congressi, una torre di cristallo per gli archivi, una torre sopra la quale sarà costruito un giardino come al Beaubourg di Parigi per l’accoglienza e l’intrattenimento sia di studenti e docenti che vivono nel campus, sia dei milanesi.
Quanto alle novità accademiche, il rettore ha annunciato che dal prossimo anno accademico prenderà il via una laurea specialistica in Arti, patrimoni e mercati che si affiancherà alla recente laurea triennale in Gestione e comunicazione nei mercati dell’arte e della cultura. L’ateneo continuerà a collaborare con Mediaset e con il Fai, Fondo per l’ambiente italiano.