Presunta aggressione a Saddam Hussein

Bagdad. Saddam Hussein sarebbe stato aggredito da uno sconosciuto nel tribunale di Bagdad, durante un’udienza del processo che lo vede imputato per crimini di guerra. Il fatto, avvenuto giovedì scorso, è stato reso noto ieri dal team di avvocati che difende l’ex dittatore. Nel comunicato, i legali aggiungono che l’uomo e Saddam Hussein sarebbero venuti alle mani, senza precisare però se l’ex dittatore sia stato ferito. «Quando il presidente si è alzato in piedi per uscire dall’aula, uno dei presenti lo ha aggredito - recita il comunicato -. C’è stato uno scambio di colpi fra l’uomo e il presidente, ma il capo del tribunale non ha fatto nulla per fermare l’aggressione». Raid Juhi, giudice del Tribunale speciale iracheno incaricato di processare Saddam Hussein e i gerarchi del passato regime ha smentito l’accaduto. Lo stesso ha fatto il tenente Kristy Miller, incaricata della sorveglianza personale dell’ex dittatore, affermando: «Saddam non ha subito alcun tipo di aggressione».