La prevalenza del cretino

Esercitazione per l’esame di giornalismo. Il candidato prenda atto che: 1) Giorgio Bocca, sull'Espresso del 22 luglio, ha scritto che «Il terrorismo è l'unico modo dei più deboli di fare la guerra ai più forti»; 2) Ida Dominjanni, dopo l’ennesima strage irachena che ha fatto a pezzi la popolazione civile, sul manifesto del 14 luglio ha scritto: «I bambini di Bagdad usati dai marines come scudi»; 3) Il settimanale L’Economist, sul numero in edicola, ha definito Oriana Fallaci «la voce del nuovo razzismo europeo»; 4) I Ds di Firenze, due giorni fa, hanno votato contro la mozione di solidarietà a Oriana Fallaci dopo che è stata rinviata a giudizio per reato d'opinione; 5) Romano Prodi, a proposito delle stragi a Sharm, su Repubblica di ieri, ha ritenuto di dover comunicare agli italiani che «proprio due anni fa (730 giorni, ndr) con Arturo Parisi eravamo in vacanza a due passi dell'Hotel Movenpick»; 6) Giuliano Ferrara, sul Foglio di ieri, ha scritto che «Chi chiede il ritiro delle truppe occidentali dall’Irak è un cretino». Il candidato ha sette decimi di secondo per individuare quale dei suddetti concetti e/o comportamenti (uno solo tra essi) sia ritenuto condivisibile dal Giornale.