LA PREVISIONE DI STANDARD&POOR’S

La Grecia ha una possibilità su tre di uscire dall’euro dopo le prossime elezioni politiche del 17 giugno, causato dal respingimento da parte della Grecia delle riforme chieste dalla troika. A sostenerlo è l’agenzia di rating Standard and Poor’s che in una nota diffusa nella serata di ieri ha giudicato «improbabile» l’uscita di altri Paesi dalla moneta unica. L’addio di Atene potrebbe infatti «rafforzare la decisione di altri Paesi a ricevere un aiuto esterno per portare avanti le riforme ed evitare le conseguenze economiche».